9 MESI E UN GIORNO

MELITA TONIOLO E’ IN DOLCE ATTESA …

Si, ma solo per il suo nuovo spettacolo teatrale “9 mesi e un giorno”

Pensate che gioco di parole, Melita Toniolo aspetta un figlio da Milo Cotogno di Melevisione.

 

Sembra un gioco di parole si’, e invece è una bella storia, quello del nuovo spettacolo teatrale proposto da Melita Toniolo e Lorenzo Branchetti.

Questo spettacolo, di Olivia Manescalchi, racconta di come può cambiare la Vostra vita quando scoprite di aspettare un bambino. Una coppia di trentenni alle prese con i loro primi “270 giorni” d’attesa. Due giovani amanti che si avvicinano a quel giorno in cui tutto quello in cui si crede inesorabilmente crolla… e, detto tra noi, non solo quello! In poco più di un’ora di esilaranti battute, la maternità, finalmente sdoganata, diventa un pretesto per riflettere, con divertita leggerezza, sulle nostre comuni fobie, i nodi irrisolti di tutti e sul grande, devastante, inevitabile rapporto “genitori-figli” … che, da qualunque parte tu ti metta ad osservarlo, rimarrà sempre un dilemma.

Melita Toniolo, famosa showgirl nota per la sua partecipazione al grande Fratello, poi a Lucignolo e Colorado, si cimenterà nel ruolo di una dolce futura mamma, e avrà l’occasione di dimostrare la sua bravura nel recitare, e anche nel cantare, perché i registi Olivia Manescalchi e Giancarlo Judica Cordiglia, dopo aver ascoltato la sua voce, hanno voluto inserire nello spettacolo dei pezzi cantati, che cosi’ sarà ancora più piacevole e brillante.

Ad affiancarla, il suo compagno Lorenzo Branchetti, il famoso Milo Cotogno di Melevisione, attore quindi affermato, che già aveva portato in scena questo spettacolo alcuni anni fa, affiancato da un’altra attrice ma, che, dopo aver conosciuto Melita, in una giornata di lavoro insieme, è venuta l’idea di proporle questo spettacolo e di ripresentarlo insieme, quindi, i due colleghi, diventati amici e tra poco in scena come compagni di vita, sono alle prese con le prove dello spettacolo. Ridono, si divertono e studiano e Vi garantisco che a teatro, ci sarà da divertirsi.